Parole confuse per fraintendere

A volte è difficile usare le parole, a volte è difficile capirle.
Io non sono bravo in nessuna di queste due cose.

Nella mia testa poche cose sono chiare… anche per questo non so usare le parole… nonostante sia obbligato ad usarle, non ne sono mai stato capace. Troppo spesso non riesco a dire quello che mi passa per la testa, troppo spesso non riesco a seguire i pensieri.
E poi ognuno alle parole attribuisce un significato diverso: “amore”, “anima”, “casa”, “famiglia”, “vuoto” (l’ordine, se qualcuno vuole attribuirgli importanza, è alfabetico, le parole, come sempre, sono abbastanza casuali).

Per capire bisognerebbe inserire le parole in un contesto, ma spesso anche con un contesto si fa fatica a capire chiaramente. E poi anche i contesti sono spesso sbagliati per parlare. Non si può parlare di tutto, in qualsiasi momento o luogo. Si fa fatica anche a trovare i contesti.

Brutto ferire o rimanere feriti da parole fraintese. Ancora di più chiedere scusa per qualcosa mai pensato. Le parole non riescono a racchiudere storie, esperienze, emozioni e dubbi. Le parole non riescono a descrivere le mille sensazioni che ti attraversano in pochi istanti. Le parole non riescono a darti le risposte che cerchi… io almeno non ci riesco e non ne sono capace.
Poi ci sono le parole di chi ti fa promesse vane e le parole di chi ti vuole fare male… ma quelle sono soltanto parole.

M:
L’impressione, la sensazione che più mi hanno lasciato queste parole è che dovevano essere scritte da te tempo fa… forse addirittura non a me, in altro tempo, altro luogo, altro se.

D:
Non so se questo è il tempo, lo spazio o se siamo noi i protagonisti. Non conosco senso e scopo. Se vorrai leggere prova tu a trovarlo.
[…]
Basta ora è tardi e io ho scritto davvero troppo e forse troppe cose inutili e scontate.
Basta perché non ho mai scritto tanto e ora le parole fanno davvero male.
Basta perché altre mille cose stanno saltando fuori e devo chiuderle.
Basta perché ho bisogno di trovare un motivo e di chiudere un vuoto enorme.

Forse a volte è meglio tenere la bocca chiusa.
No?

Words like violence
Break the silence
Come crashing in
Into my little world
Painful to me
Pierce right through me
Can’t you understand
Oh my little girl

All I ever wanted
All I ever needed
Is here in my arms
Words are very unnecessary
They can only do harm

Vows are spoken
To be broken
Feelings are intense
Words are trivial
Pleasures remain
So does the pain
Words are meaningless
And forgettable

All I ever wanted
All I ever needed
Is here in my arms
Words are very unnecessary
They can only do harm

Depeche Mode – “Enjoy the silence”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...