Il mio regalo più bello

Il mio regalo più bello

Oggi mi sento come un bambino. Oggi sono un bambino.

Oggi, dopo tanto lavoro e tanto sudore, ho finalmente terminato di preparare il mio regalo più bello. C’è voluta tanta fatica e tanta passione, ma alla fine ce l’ho fatta. Ho cercato la carta regalo e i nastri più belli. È un regalo speciale che merita le cose più speciali.
Non sono tanto bravo a scrivere, né ad usare le parole, ma in quel biglietto ho messo tutta la mia attenzione e la mia cura. È un regalo speciale che merita un lavoro e uno sforzo speciale.
Mi sono lavato, pettinato e ho infilato il vestito migliore della domenica. Mi sono guardato nello specchio e lì ho imparato che quando sei orgoglioso e felice si vede perché hai anche il sorriso migliore.

Sono pronto a consegnare il mio regalo, curioso della faccia che farà chi riceverà il regalo. Sono lì, bello come mai, con le braccia tese verso l’alto, il mio sorriso pieno di orgoglio e nelle mani il mio regalo più bello.
Il mio regalo più bello è scartato frettolosamente, con aria infastidita, e io vengo allontanato frettolosamente senza neanche uno sguardo in faccia.
Torno in camera mia. Sinceramente mi aspettavo una reazione migliore. Smetto comunque di pensarci e mi infilo i miei soliti vestiti da gioco. Comincio a far ordine nella mia camera. Raccolgo tutti i pezzi di carta avanzati, i nastri tagliati male e i bigliettini scritti con errori e macchie. Ne faccio un mucchio per buttarlo nella spazzatura.
Ritorno in cucina e provo a buttarli nel cestino.
Il cestino però è troppo pieno. Ci sono lische di pesce, avanzi di cibo e il mio regalo più bello ancora mezzo incartato.
Non so cosa fare. Cerco allora di incartare goffamente il mio regalo per provare a restituirgli un po’ di dignità.

di|gni|tà: condizione di onorabilità e di nobiltà morale che deriva all’uomo dalle sue qualità intrinseche o da meriti particolari; il rispetto che per tale condizione si ha di sé e si esige dagli altri: difendere, tutelare la propria d., mancare, essere privo, non avere un briciolo di d., un crimine che offende la d. umana | carattere nobile, esemplare o degno di rispetto: d. di un’istituzione, del lavoro

Non so cosa bene significhi dignità, ma so che il mio regalo più bello non merita una fine così.
Faccio pressione sul mio regalo spingendolo con decisione. La busta dell’immondizia si slabbra e deforma sui bordi. Il mio regalo più bello è ora in fondo al cestino, avvolto in una carta bellissima, separato dagli avanzi di cibo da quello che resta di carte e nastri speciali.
Il cestino è pieno, ma dentro c’è tutto quello che dovevo buttare insieme al mio regalo più bello, molto orgoglio e un bel pezzo di cuore.
Per cercare di fare un po’ più di spazio tiro fuori dal cestino un po’ di consapevolezza.

con|sa|pe|vo|léz|za: l’essere consapevole, coscienza: ho piena c. dei miei limiti

Non so cosa significhi consapevolezza, ma so che non riuscirò mai più a preparare un regalo altrettanto bello.

Ora però non sono più un bambino. Fra poco sarà di nuovo il mio compleanno e non mi aspetto nessun regalo. Il mio regalo più bello è in fondo ad un cestino.

I see a red door and I want it painted black
No colors anymore I want them to turn black
I see the girls walk by dressed in their summer clothes
I have to turn my head until my darkness goes

I see a line of cars and they’re all painted black
With flowers and my love both never to come back
I see people turn their heads and quickly look away
Like a new born baby it just happens every day

I look inside myself and see my heart is black
I see my red door and must have it painted black
Maybe then I’ll fade away and not have to face the facts
It’s not easy facin’ up when your whole world is black

No more will my green sea go turn a deeper blue
I could not foresee this thing happening to you

If I look hard enough into the settin’ sun
My love will laugh with me before the mornin’ comes

I see a red door and I want it painted black
No colors anymore I want them to turn black
I see the girls walk by dressed in their summer clothes
I have to turn the head until my darkness goes

Hmm, hmm, hmm,…

I wanna see your face, painted black
Black as night, black as coal
I wanna see the sun blotted out from the sky
I wanna see it painted, painted, painted, painted black
Yeah!

Rolling Stones – “Paint It Black”

Annunci

4 pensieri su “Il mio regalo più bello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...