Allucinazioni sensoriali

Stamane, mentre stavo lentamente uscendo dalla fase REM del sonno, mi accorgo che qualcosa non va: avverto netto e inconfondibile il rumore che fa mio papà quando sciacqua il rasoio nel lavandino del bagno. Un rumore che percepivo a letto quando ancora andavo a scuola.
Sempre dal mio letto si sente, provenire forte dalla cucina, l’odore del caffè appena preparato da mia mamma.

Nessuno per fortuna accende la luce nella mia camera. Qualcuno ha cortesemente lasciato la luce accesa nel corridoio sapendo che ci metto un po’ ad abituarmi alla luce… problemi di noi ipermetropi.
Come al solito ho ancora voglia di rimanere a letto. Non ho voglia di abbandonare il tepore delle lenzuola e non voglio andare a scuola. Lentamente però devo provare a svegliarmi, tanto so che fra poco verrà mio papà o mia mamma a chiamarmi.

Adagio capisco che c’è qualcosa di strano. Non ho 18 anni, non vado a scuola, ho un lavoro e il tempo della scuola è passato da un pezzo, ho già fatto il militare e molte altre cose. Sono sopravvissuto a delusioni e molto altro. Cambiato lavoro più volte e messo su casa. Già… ora ho una casa e vivo da solo… almeno credo.

Davvero delle sensazioni strane. Davvero potrei essere tornato a 13 anni fa? Ma come? Come ho fatto? Che cosa è successo… e soprattutto come vivrei ora conoscendo tutto questo? Non vivrei la vita di un diciottenne, sarei molto più realista, un po’ meno sognatore e purtroppo con molta meno fiducia nelle persone. Purtroppo so già come andranno a finire troppe cose e non mi fiderei più di molte persone… sul lavoro e nei rapporti umani. Come potrei spiegarlo a chi prova a raccontarmi balle? Come convincerei le persone che nonostante quello che dicono e spergiurano stanno mentendo e si pentiranno. Non posso raccontare il futuro, nessuno lo capirebbe e poi chi crederebbe ad un ragazzo di 18 anni.

Non voglio conoscere il futuro… e soprattutto conoscendolo cosa cambierebbe? Rifarei gli stessi errori? No? Forse diventerei una persona diversa? No? Lo voglio?

Troppe domande strane mi saltano in mente e non ho ancora capito in che anno sono. Sono un po’ terrorizzato dall’idea di svegliarmi nel 1991 e dover ricominciare tutto da capo. Provo così con lentezza a svegliarmi.
Ho un po’ paura ad aprire gli occhi… e poi probabilmente ci metterebbero troppo a mettere a fuoco nella penombra della stanza. Provo ad allungare una gamba. Un sollievo mi assale quando mi accorgo di non essere nel mio letto singolo, ma in un letto matrimoniale. Apro così gli occhi e, mentre si abituano alla luce, ritrovo direzioni e capisco di aver sognato.

A volte vorrei davvero capire cosa significhino certi sogni.

Annunci