Una giornata no (o forse no)

Greg House

Ieri è stata una giornata no.

Anche per colpa della pioggia, la mattina sono caduto dallo scooter. Ho spaccato il parabrezza e ho preso una brutta botta al ginocchio.
La sera poi sono andato a trovare papà in ospedale. È sempre lì e non ci sono novità. L’ho aiutato ed ha mangiato un po’ più del solito.
Tornato a casa e messi a letto i bimbi, quando ormai Christian già dormiva, Samu mi ha detto “Sai papà sono contento di avere due case… perché così a casa della mamma posso farmi il bagno e giocare con Pluto (chihuahua) e qui faccio la doccia e posso giocare con Trilly e Martino (gatti europei)… e poi così voi non litigate più”.
Il mio ginocchio nel frattempo si era gonfiato e faceva davvero male… non però quanto mi hanno fatto le parole di Samuele.

Comunque ieri, nonostante fosse davvero una brutta caduta, non mi sono fatto nulla di grave… solo qualche botta e qualche livido che settimana prossima probabilmente andrà magicamente a posto.
Papà aveva di positivo che era senza flebo e stava un po’ meglio… e per la prima volta era seduto e non disteso.
In qualche modo poi sono felice che Samu mi abbia detto di essere contento.

Nonostante tutto c’è ancora qualcosa che fa male. Forse è il ginocchio. Forse no… ma comunque quando zoppico sono figo come Greg House.

Cade la pioggia e tutto lava
cancella le mie stesse ossa
Cade la pioggia e tutto casca
e scivolo sull’acqua sporca

Si, ma a te che importa poi
rinfrescati se vuoi
questa mia stessa pioggia sporca

Dimmi a che serve restare
lontano in silenzio a guardare
la nostra passione che muore in un angolo e
non sa di noi
non sa di noi
non sa di noi

Cade la pioggia e tutto tace
lo vedi sento anch’io la pace
Cade la pioggia e questa pace
è solo acqua sporca e brace
c’è aria fredda intorno a noi
abbracciami se vuoi
questa mia stessa pioggia sporca

Dimmi a che serve restare
lontano in silenzio a guardare
la nostra passione che muore in un angolo
E dimmi a che serve sperare
se piove e non senti dolore
come questa mia pelle che muore
che cambia colore
che cambia l’odore
Tu dimmi poi che senso ha ora piangere
piangere addosso a me
che non so difendere questa mia brutta pelle
così sporca
tanto sporca
com’è sporca
questa pioggia sporca

Si ma tu non difendermi adesso
tu non difendermi adesso
tu non difendermi
piuttosto torna a fango si ma torna

E dimmi che serve restare
lontano in silenzio a guardare
la nostra passione non muore
ma cambia colore
tu fammi sperare
che piove e senti pure l’odore
di questa mia pelle che è bianca
e non vuole il colore
non vuole il colore
no..
no..

La mia pelle è carta bianca per il tuo racconto
scrivi tu la fine
io sono pronto
non voglio stare sulla soglia della nostra vita
guardare che è finita
nuvole che passano e scaricano pioggia come sassi
e ad ogni passo noi dimentichiamo i nostri passi
la strada che noi abbiamo fatto insieme
gettando sulla pietra il nostro seme
a ucciderci a ogni notte dopo rabbia
gocce di pioggia calde sulla sabbia

amore, amore mio
questa passione passata come fame ad un leone
dopo che ha divorato la sua preda ha abbandonato le ossa agli avvoltoi
tu non ricordi ma eravamo noi
noi due abbracciati fermi nella pioggia
mentre tutti correvano al riparo
e il nostro amore è polvere da sparo
il tuono è solo un battito di cuore
e il lampo illumina senza rumore
e la mia pelle è carta bianca per il tuo racconto
ma scrivi tu la fine
io sono pronto

Negramaro – “Cade la pioggia”

La vita dovrebbe essere un po’ così (e stupirti in ogni momento)

Fixing up a car to drive in it again
Searching for the water, hoping for the rain
Up and up, Up and up

Down upon a canvas, working with a wheel
Waiting for a chance to pick your orange peel
Up and up, Up and up

See a performer, a diamond in the rough
See a bird soaring high above the flood
It’s in your blood, It’s in your blood

Underneath the storm an umbrella is saying
Sitting with the poison takes away the pain
Up and up, Up and up

We’re gonna get it, get it together
I know we’re gonna get it, get it together somehow
We’re gonna get it, get it together and flow

We’re gonna get it, get it together
I know, we’re gonna get it, get it together and flow
We’re gonna get it, get it together and go
Up, and up, and up

Drowning in the study emptying the moon
Trying to empty out the ocean with a spoon
Up and up, Up and up

How can people suffer? How can people part?
How can people struggle? How can people
Break your heart? Break your heart?

Yes I wanna know, show me how to feel
Yes I wanna know, show me how to
Heal it up, heal it up

I’m trying to see the forest staring at every seed
Angels in the marble waiting to be freed
Just need love, Just need love
When the going is rough, saying

We’re gonna get it, get it together
I know we’re gonna get it, get it together somehow
We’re gonna get it, get it together and flow

We’re gonna get it, get it together
I know, we’re gonna get it, get it together and flow
We’re gonna get it, get it together and go
Up, and up, and up

Cause you can say what is, power through it
Close your mind and clench your fist
You can change minds, take the risk
Or see each soul like happiness

We’re gonna get it, get it together
I know we’re gonna get it, get it together somehow
We’re gonna get it, get it together and flow

We’re gonna get it, get it together
I know, we’re gonna get it, get it together and flow
We’re gonna get it, get it together and go
Up, and up, and up

We’re gonna get it, get it together
I know we’re gonna get it, get it together somehow
We’re gonna get it, get it together and flow

We’re gonna get it, get it together
I know, we’re gonna get it, get it together and flow
We’re gonna get it, get it together and go
Up, and up, and up

Fixing up a car to drive in it again
When you’re in pain, when you think you’ve had enough
Don’t ever give up
Don’t ever give up
Just believe in love

Coldplay – “Up&Up”

A volte ci sono dei giorni così (per fortuna)

All smiles
(I know what it takes to fool this town)
I’ll do it till the sun goes down and all through the night time
Ohh yeah, ohh yeah
I’ll tell you what you wanna hear
Leave my sunglasses on while I shed a tear
It’s never the right time (yeah, yeah…)

I put my armor on
Show you how strong how I am
I put my armor on
I’ll show you that I am

I’m unstoppable
I’m a Porsche with no brakes
I’m invincible
Yeah, I win every single game
I’m so powerful
I don’t need batteries to play
I’m so confident, yeah (I’m unstoppable today)
Unstoppable today, unstoppable today
Unstoppable today (I’m unstoppable today)

Break down, only alone I will cry out now
You’ll never see what’s hiding out
Hiding out deep down, yeah, yeah
I know, I’ve heard that to let your feelings show
Is the only way to make friendships grow
But I’m too afraid now, yeah, yeah

I put my armor on, show you how strong how I am
I put my armor on, I’ll show you that I am

I’m unstoppable
I’m a Porsche with no brakes
I’m invincible
Yeah, I win every single game
I’m so powerful
I don’t need batteries to play
I’m so confident, yeah, I’m unstoppable today
Unstoppable today, unstoppable today
Unstoppable today (I’m unstoppable today)
Unstoppable today, unstoppable today
Unstoppable today (I’m unstoppable today)

I put my armor on, show you how strong how I am
I put my armor on, I’ll show you that I am

I’m unstoppable
I’m a Porsche with no brakes
I’m invincible
Yeah, I win every single game
I’m so powerful
I don’t need batteries to play
I’m so confident, yeah, I’m unstoppable today
Unstoppable today, unstoppable today
Unstoppable today, I’m unstoppable today
Unstoppable today, unstoppable today
Unstoppable today, I’m unstoppable today

Sia – “Unstoppable”

Solo un’inutile dedica (rubata)

Non voglio sapere che ne fai della tua vita
Dimmi invece se qualcosa ancora ti fa venire i brividi

Non voglio sapere il tuo segno zodiacale
Dimmi se hai parlato mai faccia a faccia col dolore

Non voglio sapere se ci credi o no all’amore
Dimmi invece se hai ballato nuda con la tua incoscienza

Non voglio sapere se la tua è una storia vera
Dimmi invece la tua guerra col coraggio e la paura

Dimmi se vedi bellezza quando apri o chiudi gli occhi se sai riconoscerla
Dimmi se senti furore se sai essere alba e sole se sei pronta ad incendiare il cielo

Dimmi se cerchi bellezza anche quando tutto sembra… sembra soffocarti l’anima

Non voglio sapere quale vento ti ha portato
Dimmi invece quanta voglia ancora hai di ridere

Non voglio sapere le vittorie e le sconfitte
Dimmi se hai la leggerezza di accettarti come sei

Non voglio sapere quante volte hai chiesto aiuto
Dimmi cosa hai fatto fino a qui per meritarti il mondo

Non voglio sapere il tuo nome o il tuo indirizzo
Dimmi invece se hai viaggiato fino a spingerti oltre i limiti

Dimmi se vedi bellezza quando apri o chiudi gli occhi se sai riconoscerla
Dimmi se senti furore se sai essere alba e sole se sei pronta ad incendiare il cielo
Dimmi se cerchi bellezza anche quando tutto sembra… sembra soffocarti… dimmi

Dimmi se vedi bellezza quando apri o chiudi gli occhi se sai riconoscerla
Dimmi se cerchi bellezza anche quando tutto sembra… sembra soffocarti l’anima

Sulutumana – “Dimmi”

Ritorni (12 anni fa)

19 aprile 2004.

Sono stato un po’ via, ma ora sono tornato. Questa volta davvero.

A Pasqua purtroppo non sono arrivate le risposte che cercavo e così, in un momento qualsiasi di un giorno qualsiasi, stanco di aspettare cose che non arrivavano mai sono partito per cercarle insieme ad altre cose che credevo di aver perso.
2.420 km in 3 giorni in giro per l’Italia per cercare un po’ di risposte, senso e il me stesso che avevo perso.
2.420 km in 3 giorni in giro per l’Italia per capire un po’ di cose e cercare di salvare due persone e, come Matt Murdock, alla fine rinascere.

A differenza di Matt sono tornato da solo, ma ho scoperto che c’è ancora tanta, forse troppa, passione che guida tutte le mie scelte… e di questo devo dire che non me ne pento affatto.
Il viaggio è stato lungo, ma mi ha fatto scoprire un po’ di cose.
Ho scoperto che quando dai tutto te stesso, comunque vadano le cose, non hai molto da rimproverarti.
Ho scoperto che quando ci metti tutto il cuore e tutti i sentimenti in qualcosa non si finisce mai totalmente sconfitti.
Ho scoperto che certe persone mi sono molto più amiche e molto più vicine di quanto pensassi.
Ho scoperto che il cuore e i nervi a volte riescono a sorreggere qualsiasi cosa.
Ho scoperto quanto bene voglio ai miei e dopo tanto tempo, tra qualche lacrima prima della partenza, sono riuscito a dirgli un “ti voglio bene” vero come non mai.
Ho scoperto che sono capace di mantenere la calma e la fiducia anche in circostanze davvero difficili.
Ho scoperto che sono capace di buttare via tutto e ricominciare ancora tutto daccapo.
Ho scoperto che sono in grado di amare completamente e totalmente.

Purtroppo non sono riuscito a fare tutto quello che speravo. Purtroppo alla fine ho salvato solo me stesso anche se ho fatto davvero di tutto per provarci… perché nei fumetti non capita mai che qualcuno si rifiuti di farsi salvare?

Ora dopo aver buttato alle ortiche un po’ di cose per provare a sistemare qualcosa che credevo (e forse per certi aspetti credo ancora) importante devo recuperare i pezzi di una vita. Ancora colla e pazienza per rincollare tutto, ma alla fine andrà tutto a posto. Come al solito.

Per oggi è tutto, il viaggio lo racconto nei prossimi giorni. Ora devo ripartire. Anzi partire no. Sono appena tornato e ho intenzione di restarci.

All my life I’ve been waiting
For you to bring a fairy tale my way
Been living in a fantasy without meaning
It’s not okay I don’t feel safe

Left broken empty in despair
Wanna breath can’t find air
Thought you were sent from up above
But you and me never had love
So much more I have to say
Help me find a way

And I wonder if you know
How it really feels
To be left outside alone
When it’s cold out here
Well maybe you should know
Just how it feels
To be left outside alone
To be left outside alone

Why do you play me like a game?
Always someone else to blame
Careless, helpless little man
Someday you might understand
There’s not much more to say
But I hope you find a way

Still I wonder if you know
How it really feels
To be left outside alone
When it’s cold out here
Well maybe you should know
Just how it feels
To be left outside alone
To be left outside alone

Anastacia – “Left outside alone”

Fist fighting a sandstorm (è stato un po’ così)

I fought so hard for your heart, on the way down
And I thought that I could save you from destruction

But I was never in contro-o-ol, never in control
Fighting another war
No I was never in contro-o-ol, never in control
Fighting another war

Was fist fighting a sandstorm
Now I ain’t boxing anymore
I’m letting go and it’s beautiful
Fist fighting a sandstorm
Fist fighting a sandstorm
Is a losing battle
Was fist fighting a sandstorm
Fighting a sandstorm
Fighting a sandstorm
Was fist fighting a sandstorm
Was fist fighting a sandstorm
But I won’t fight it anymore
I’m letting go and it’s beautiful

I was hurting, I couldn’t let go, I couldn’t leave you
And I told myself, though it was hell, that we’d push through

But I was never in contro-o-ol, never in control
Fighting another war
No I was never in contro-o-ol, never in control
Fighting another war

Was fist fighting a sandstorm
Now I ain’t boxing anymore
I’m letting go and it’s beautiful
Fist fighting a sandstorm
Fist fighting a sandstorm
Is a losing battle
Was fist fighting a sandstorm
Fighting a sandstorm
Fighting a sandstorm
Was fist fighting a sandstorm
Was fist fighting a sandstorm
But I won’t fight it anymore
I’m letting go and it’s beautiful

But I was never in contro-o-ol, never in control
Fighting another war
No I was never in contro-o-ol, never in control
Fighting another war

Was fist fighting a sandstorm
Now I ain’t boxing anymore
I’m letting go and it’s beautiful
Fist fighting a sandstorm
Fist fighting a sandstorm
Is a losing battle
Was fist fighting a sandstorm
Fighting a sandstorm
Fighting a sandstorm
Was fist fighting a sandstorm
Was fist fighting a sandstorm
But I won’t fight it anymore
I’m letting go and it’s beautiful

Sia – “Fist Fighting A Sandstorm”

Sopravvissuto (anche a San Valentino)

I was born in a thunderstorm
I grew up overnight
I played alone
I’m playing on my own
I survived
Hey
I wanted everything I never had
Like the love that comes with life
I wore Ambien and I hated it
But I survived
I had wanted to go to a place where all the demons go
Where the wind don’t change
And nothing in the ground can ever grow
No hope, just lies
And you’re taught to cry in your pillow
But I’ll survive

I’m still breathing
I’m still breathing
I’m still breathing
I’m still breathing
I’m alive
I’m alive
I’m alive
I’m alive

I found solace in the strangest place
Way in the back of my mind
I saw my life in a stranger’s face
And it was mine

I had wanted to go to a place where all the demons go
Where the wind don’t change
And nothing in the ground can ever grow
No hope, just lies
And you’re taught to cry in your pillow
But I’ll survive

I’m still breathing
I’m still breathing
I’m still breathing
I’m still breathing
I’m alive
I’m alive
I’m alive
I’m alive

You took it out, but I’m still breathing
You took it out, but I’m still breathing
You took it out, but I’m still breathing
You took it out, but I’m still breathing
You took it out, but I’m still breathing
You took it out, but I’m still breathing
You took it out, but I’m still breathing
You took it out, but I’m still breathing

I had made every single mistake
That you could ever possibly make
I took and I took and I took what you gave
But you never noticed that I was in pain
I knew what I wanted; I went in and got it
Did all the things that you said that I wouldn’t
I told you that I would never be forgotten
I know that’s part of you

And I’m still breathing
I’m still breathing
I’m still breathing
I’m still breathing
I’m alive (You took it out, but I’m still breathing)
(You took it out, but I’m still breathing)
I’m alive (You took it out, but I’m still breathing)
(You took it out, but I’m still breathing)
I’m alive (You took it out, but I’m still breathing)
(You took it out, but I’m still breathing)
I’m alive

I’m alive
I’m alive
I’m alive
I’m alive

Sia – “Alive”

A proposito di Sanremo (e Battisti)

Lucio Battisti
Era l’inizio del 1969. Mio padre e mia madre si erano sposati da poco e, in attesa che gli consegnassero il nuovo appartamento, abitavano ancora con mia nonna materna al 19 di via dei Tulipani. All’interno dello stesso stabile, due piani più in alto, viveva Lucio Battisti.
Nella stessa via, a due numeri civici di distanza dall’appartamento, papà aveva il suo negozio di parrucchiere. A fianco del negozio c’era il bar dove papà si trovava occasionalmente con Battisti a bere il caffè.

Il 1969 era l’anno in cui Lucio Battisti, dopo aver riscosso successo come autore di “29 settembre”, debuttò come cantante al festival di Sanremo. “Un’avventura” si piazzò a metà classifica e la critica lo giudicò poco dotato dal punto di vista vocale.

Di ritorno da Sanremo, Battisti passò nel negozio di mio padre. Mentre papà lo stava salutando una cliente rivolgendosi direttamente a lui disse:

“Complimenti, ti ho visto a Sanremo… sì, scrivi delle belle canzoni, forse però sarebbe meglio se le lasciassi cantare a qualcun’altro.”

Qualche mese dopo venne pubblicato “Lucio Battisti”, il suo primo album. Il resto è solo storia.

A distanza di anni mio padre, raccontandomi l’episodio, mi disse:

“Me lo ricordo quando girava con quel montone che pareva sempre sporco, il fazzolettone al collo e con quel suo capoccione… e se ne fregava di quello che diceva la gente… mi è sempre stato simpatico.”

Meno male che è stato davvero indifferente ai giudizi della gente… probabilmente è stato quello l’inizio del suo successo.

Seduto in quel caffè
io non pensavo a te.
Guardavo il mondo che
girava intorno a me.
Poi d’improvviso lei sorrise
e ancora prima di capire
mi trovai sottobraccio a lei
stretto come se
non ci fosse che lei.

Vedevo solo lei
e non pensavo a te.
E tutta la città
correva incontro a noi.
Il buio ci trovò vicini
un ristorante e poi
di corsa a ballar sottobraccio a lei
stretto verso casa abbracciato a lei
quasi come se non ci fosse che,
quasi come se non ci fosse che lei.

Mi son svegliato e
e sto pensando a te…
Ricordo solo che,
che ieri non eri con me.
Il sole ha cancellato tutto
di colpo volo giù dal letto
e corro lì al telefono
e parlo, rido e tu,
tu non sai perché,
t’amo, t’amo e tu,
tu non sai perché…
parlo, rido e tu,
tu non sai perché…

Lucio Battisti – “29 settembre”

Social senza pietà (accadde oggi)

Tra #‎friendsday‬ e accadde oggi di Facebook, il social del signor Zuckerberg, continua a propormi immagini e post un po’ anacronistici e fuori luogo.
Bellissimi momenti, bellissime dediche e bellissime foto.
Tutto molto bello, tutto ormai molto distante dalla realtà.

Lunedì scorso ho scoperto che la prossima data importante sarà il 21 marzo. Esattamente il giorno di primavera ci sarà l’udienza definitiva per la separazione davanti al giudice. Da allora toccherà modificare lo status da Sposato/a a Separato/a.

Nel frattempo Facebook, incurante di tutto e senza alcun tatto, mi ripropone una canzone che Donatella ha postato sulla mia bacheca qualche anno fa.

Forse qualcuno mi deve delle scuse… non sarai mica tu Mark?

I’ll protect you from the hooded claw
Keep the vampires from your door
Feels like fire
I’m so in love with you
Dreams are like angels
They keep bad at bay-bad at bay
Love is the light
Scaring darkness away-yeah
I’m so in love with you
Burns the soul
Make love your goal
The power of love
A force from above
Cleaning my soul
Flame on burn desire
Love with tongues of fire
Burns the soul
Make love your goal

I’ll protect you from the hooded claw
Keep the vampires from your door
When the chips are down I’ll be around
With my undying, death-defying
Love for you

Envy will hurt itself
Let yourself be beautiful
Sparkling love, flowers
And pearls and pretty girls
Love is like an energy
Rushin’ rushin’ inside of me
The power of love
A force from above
Cleaning my soul
Flame on burn desire
Love with tongues of fire
Burns the soul
Make love your goal
This time we go sublime
Lovers entwine-divine divine

Frankie Goes To Hollywood – “The Power Of Love”

Un fine settimane di bugie (amo irresponsabilmente tanto…)

Venerdì hai consegnato tutto in tribunale.
Di tutte le carte e i moduli compilati in consultorio, è rimasto solo un numero protocollo da controllare sul sito del tribunale. Presto ci sarà l’appuntamento davanti al giudice. Presto non so cosa rimarrà.

Sabato abbiamo lasciato i bimbi dai miei e ti ho accompagnato a cercare i mobili per la tua nuova casa.
Siamo riusciti a vedere solo la cameretta e il divano su cui dovrai dormire… da sola… o comunque senza di me. Abbiamo fatto tutto insieme, come fossimo la bella coppia che anche l’avvocato e l’assistente sociale hanno visto. Credo che ci abbiano creduto anche le persone che hanno visto abbracciarci, soprattutto nei momenti in cui eri in difficoltà e ti prendevo per mano. Lo facevo per darti forza. Quella stessa forza che io non ho e che vorrei avere. Quella stessa forza che tu credi che io abbia. A me comunque è bastato che tu ci abbia creduto.

Usciti fuori abbiamo parlato. Tanto.
Abbiamo parlato senza filtri perché te l’ho chiesto io e perché ti ho detto che ormai non fa più male. Anche questa volta ti ho mentito… e forse anche questa volta tu ci hai creduto. Abbiamo parlato di amore, ma non di amore per me o per i bimbi. Ho ascoltato tutto e quando ti ho chiesto come ti sei accorta e convinta di non amarmi più, come al solito ti sei messa stizzita sulla difensiva e non mi hai risposto. Come al solito ti si sono riempiti gli occhi di lacrime. Ti ho asciugato le lacrime, come se fossi tu quella a cui serviva questo gesto. Ti ho detto di lasciare perdere perché ormai non mi interessava più la risposta… probabilmente anche questa volta ci hai creduto.

Siamo tornati a casa. Ti ho abbracciato e abbiamo fatto l’amore come non succedeva da quasi un mese. È stato intenso come se fosse davvero l’ultima volta. Abbiamo pianto e quando ti ho chiesto com’è fare l’amore con uno quasi separato abbiamo riso tra le lacrime.

Domenica siamo stati al centro commerciale e mentre tu ti tagliavi i capelli con Samu io facevo la spesa con Chris.
Abbiamo incontrato Stefano e Claudia con le bimbe e quando ci hanno chiesto come va mi sono bloccato. Questa volta hai mentito tu. Presto anche loro sapranno la verità.
Siamo andati al bar a fare merenda con i bimbi e quando hanno passato quel video mi sono fermato perché sapevo che avresti voluto guardarlo ed ascoltarlo. Mi sono fermato perché se non l’avessi fatto forse avresti visto i miei occhi velarsi di lacrime e non sarei più riuscito a fare la parte di quello forte. Quando siamo tornati a casa l’hai poi cercato e postato su facebook.
Abbiamo poi fatto tante altre cose come fossimo ancora una coppia normale. E anche se hai cambiato taglio e colore dei capelli non sei riuscita a convincermi di essere cambiata.

Mentre tornavamo a casa in macchina, i bimbi si sono addormentati. Ne hai approfittato per dirmi che che non possiamo continuare così perché altrimenti non riuscirò mai a staccarmi da te.
Ti ho spiegato che il sesso è solo la manifestazione della mia attrazione e del mio desiderio per te. Ti ho spiegato che ti aiuto solo perché voglio che tu e i nostri bimbi stiate bene… è solo il mio affetto per te e soprattutto per loro.
Ti ho spiegato che tutto questo è un piano separato dall’amore… ti ho chiesto di tenere le emozioni distinte e di non confonderle.
Questa non so se l’hai bevuta… forse era una bugia troppo grossa perché tu ci potessi credere.

Probabilmente chiara come il sole
la mia tendenza alla continuità
contraria a tutte le tue aspettative
sto qua
Tu vuoi una rosa che non abbia spine
ma non è questa la normalità
ci si innamora di una imperfezione
io resto qua
per te sarò sbagliata
ma resto qua.

Vivo ogni secondo come l’ultimo secondo
credo in poche cose
ma ci credo fino in fondo
amo irresponsabilmente tanto
che non riesco a smettere
sinceramente
io rivoglio tutto
i passi falsi a litigare
fari di una macchina
la casa in cui abitare
stringerti ed avere la certezza
che ti sto per perdere
un’altra volta
stupendo fino a qui
stupendo fino a qui.

Probabilmente non c’è più confine
ogni bugia diventa verità
un compleanno senza candeline
io resto qua
lo so sono sbagliata
ma resto qua
vivo ogni secondo come l’ultimo secondo
credo in poche cose
ma ci credo fino in fondo
amo irresponsabilmente tanto
che non riesco a smettere
sinceramente
io rivoglio tutto, i passi falsi e litigare
fari di una macchina
la casa in cui abitare
stringerti ed avere la certezza
che ti sto per perdere
un’altra volta
stupendo fino a qui.

Io rivoglio tutto
i giorni i sogni a ricucire
fari di una macchina
la casa in cui abitare
stringerti ed avere la certezza
che ti sto per perdere
un’altra volta
stupendo fino a qui

l’ultima volta
stupendo fino a qui.

Alessandra Amoroso – “Stupendo fino a qui”